Abusi e odio, la lotta dei big internet alle molestie online

Dic 23, 2017

  • Condividi l'articolo

    Molestie online, minacce, offese, si sono dimostrate “tossiche” per il web nel 2017 almeno quanto le bufale in rete. Lo dimostrano gli sforzi che i colossi di internet quest’anno hanno messo in campo anche per contrastare cyberbulli e troll. Schierando non solo intelligenza artificiale, ma anche controllori in carne e ossa. Una strategia seguita da Facebook, che ha portato a 4.500 persone il team di controllo delle segnalazioni. Di recente il social da due miliardi di utenti ha anche deciso di rendere più difficile la vita a quei molestatori “seriali” che, anche se vengono bloccati dalle proprie vittime, aggirano sospensioni e oscuramenti creando nuovi account.

    Algoritmi avanzati riconosceranno tentativi di questo tipo e li bloccheranno. Google per YouTube ha deciso di potenziare il team umano impegnato nella lotta contro il linguaggio d’odio, contenuti estremisti, commenti pedofili o filmati inappropriati per investitori pubblicitari. Entro il 2018 sarà composto da 10 mila persone.

  • RICCIONE. Auto d’epoca in esposizione su viale Ceccarini

    RICCIONE. Auto d’epoca in esposizione su viale Ceccarini

    Una meraviglia questo viaggio indietro nel tempo in viale Ceccarini con le vetture d’epoca degli anni Venti, quelle che circolavano sulle strade della nascente Riccione, in un progetto promosso da Adriatic Veteran Cars Club. Tra questi splendori del passato, per...