Attico Bertone, per il pm ci fu una “gestione opaca e pessima”

Ott 10, 2017

  • Condividi l'articolo

    Requisitoria del procuratore aggiunto Roberto Zanotti al processo per la distrazione di fondi della Fondazione Bambino Gesù: la vicenda della ristrutturazione dell’appartamento del cardinale Bertone “mette in luce purtroppo una vicenda di sorprendente di opacità, di silenzi e di pessima gestione del denaro pubblico”.

    Tre anni di reclusione e l’interdizione perpetua dai pubblci uffci per l’ex presidente della Fondazione Bambin Gesù, Giuseppe Profiti, e l’assoluzione per insufficienza di prove per il tesoriere Massimo Spina.

    Sono le richieste del pm al processo per la distrazione di fondi relativa alla ristrutturazione dell’attico occupato dal cardinale Tarcisio Bertone, ex segretario di Stato, a Palazzo San Carlo in Vaticano.

    La vicenda della ristrutturazione dell’appartamento secondo il pm “mette in luce purtoroppo una vicenda di sorpendente di opacità, di silenzi e di pessima gestione del denaro pubblico: un quadro opaco che non è esaltante, ma per quanto possa essere desolante non è un aspetto di questo processo”. Lo ha detto il procuratore aggiunto Roberto Zanotti nella sua requisitoria al processo.

    Nella penultima udienza, prima dell’intervento del pm, era stata ascoltata l’attuale presidente del Bambin Gesù, Mariella Enoc, che ha descritto una situazione sconcertante: al suo arrivo all’ospedale del Gianicolo, ad esempio, non c’era stato passaggio di consegne con il predecessore Giuseppe Profiti, oggi imputato nel processo vaticano. Non solo: i documenti della Fondazione, secondo quanto ha detto, “non erano protocollati”. Così le lettere tra Bertone e Profiti riguardo all’appartamento la presidente le ritrovò in un falcone e in un primo momento pensò di non doversene occupare in quanto le sembrarono “una corrispondenza privata”. Il Giornale.it

  • Droga: catturato in Spagna latitante ricercato da Pm Catania

    Droga: catturato in Spagna latitante ricercato da Pm Catania

    (ANSA) - CATANIA, 24 SET - Il latitante colombiano Julio Cesar Hurtado Rodriguez, accusato dalla Dda della Procura di Catania di essere un narcotrafficante, è stato catturato a Valencia dal corpo nazionale di polizia spagnola. Su di lui pendeva un mandato di arresto...

    Mafia: maxi operazione nel nisseno, oltre 50 arresti

    Mafia: maxi operazione nel nisseno, oltre 50 arresti

    (ANSA) - PALERMO, 24 SET - Maxi operazione antimafia nel nisseno. I carabinieri di Caltanissetta stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di oltre 50 presunti affiliati al clan Sanfilippo di Mazzarino riconducibile alla stidda gelese. I...