CORIANO. ALESSANDRO PEPE UCCISO DALLA SUA PASSIONE PER I MOTORI

Giu 19, 2017

  • Condividi l'articolo

    Una giovane vita spezzata sulle strade della gloriosa e millenaria Repubblica di San Marino. Una moglie vedova pochi mesi dopo il matrimonio. Una famiglia tranciata sul nascere. Questa la storia di Alessandro Pepe, 43enne originario di Livorno ma residente a Montescudo, il pilota morto ieri durante il Rally di San Marino.

    La passione per i motori l’ha ucciso. Un uomo di sport a 360° gradi in quanto era arbitro di calcetto nel campionato sammarinese, ciclista amatore, calciatore in gioventù nelle categorie minori. Alessandro ha perso il controllo della sua A112 Abarth che, dopo avere superato in rettilineo un dosso, è sbandata urtando contro un muretto a bordo della carreggiata. Un tragico impatto che è costato la vita a Pepe.

    Salvatore Occhiuto

  • Malagò: ‘Ho rischiato l’ictus, ora sono fuori pericolo’

    Malagò: ‘Ho rischiato l’ictus, ora sono fuori pericolo’

       "La sera del 24 dicembre mi sono ricoverato in day hospital per un piccolo intervento agli occhi, e i medici mi hanno diagnosticato una aritmia atriale, molto comune, che normalmente si sente ma io non l'avevo mai sentita.    Mi hanno detto...

    Giorno Memoria: Elio Germano in scena per Fondazione Fossoli

    Giorno Memoria: Elio Germano in scena per Fondazione Fossoli

    "La giustizia è un principio con cui valutare il passato e ogni stato successivo delle cose": questa citazione del sociologo Zygmund Bauman, tratta dal testo 'Modernità e Olocausto', rappresenta il filo rosso che unisce il cartellone di iniziative promosso a Carpi...