Coriano. Causa dipendenti, la posizione del Comune

Lug 22, 2017

  • Condividi l'articolo

    Prendiamo atto e rispettiamo la decisione del giudice, in attesa di conoscere le motivazioni per compiere qualsiasi valutazione del caso e decidere il da farsi.

    Ciò che non possiamo tuttavia tollerare è il deliberato attacco politico rivolto a questa amministrazione mosso da parte di Elisabetta Morolli della CGIL.

    Come noto la questione è complessa e nasce da lontano, ovvero da un’indagine della guardia di finanza che ci ha spinto a fare chiarezza su come veniva distribuito, in passato, il salario accessorio ai dipendenti.

    Progressioni e produttività a pioggia, senza rispetto delle regole del contratto nazionale e dei limiti imposti dalla normativa, incarichi extraufficio pagati profumatamente per attività che rientravano nei normali doveri d’ufficio.

    Questo nessuno lo potrà negare. Non siamo certo noi che abbiamo azzerato i premi di risultato e le indennità. E’ dal 2011, con il Commissario, che nulla viene distribuito per l’enorme buco creato dalle amministrazioni precedenti a danno del bilancio comunale e dei cittadini e con l’assenso dei sindacati che avallavano queste scelte.

    E’ proprio per ripristinare la possibilità, all’interno del comune, di distribuire premialità e remunerare il turno e la reperibilità, garantendo servizi essenziali alla cittadinanza, che ci siamo decisi a compiere questo difficile passo: mettere in mora i dipendenti e sospendere da maggio dello scorso anno le progressioni orizzontali. Ad oggi nemmeno un euro è stato sborsato, e i soldi delle progressioni orizzontali sono accantonati in bilancio e pronti per essere ripristinati in ottemperanza alle decisioni del giudice.

    Non è mai stata nostra intenzione andare contro i dipendenti né disconoscere il loro lavoro, ma una cosa è certa: i 750.000 euro usciti in più dal fondo da qualche parte dovranno saltare fuori.

    Se il giudice ha stabilito che non possono essere i dipendenti a pagare tramite l’azzeramento delle PEO, allora quei soldi dovranno venire fuori dai fondi che si andranno a costituire nei prossimi anni.

    Peccato che le risorse oggi vengono tutte spese per pagare quelle stesse progressioni. Insomma siamo in presenza di un circolo vizioso e non vediamo come i sindacati possano risolverlo.

    Aspetterò la CGIL al tavolo della contrattazione decentrata, purtroppo quello che si troverà è un tavolo sparecchiato dove non sono rimaste nemmeno le briciole ma solo il conto da pagare. Se non hanno ancora capito che questa decisione condanna i dipendenti di Coriano, presenti e futuri, a decenni di immobilismo e blocco perché il fondo dovrà pagare, con risorse che ad oggi non ci sono, i 750.000 euro di debito, è bene che prima si studino le regole e i numeri e poi vengano da noi a parlare.

    Siamo sempre stati e saremo aperti al dialogo, ma non vi è dialogo con chi è sordo e non sa ascoltare.

    Purtroppo non si è ancora capito che siamo in presenza di uno scontro “generazionale” tra i dipendenti che tanto hanno avuto in passato e quelli che non prenderanno nulla in futuro. Se la logica della CGIL è difendere a qualsiasi costo i diritti acquisiti ne prendiamo atto ma siamo convinti che non sia questo il modo in cui si risolvono i problemi dell’ente e del paese.


    Coriano 22 Luglio 2017

    L’Amministrazione

    del Comune di Coriano



    ______________________________________________________

    staff del Sindaco


    Comune di CORIANO (RN)

  • Furto in casa vicino a Frosinone, uomo spara e uccide ladro

    Furto in casa vicino a Frosinone, uomo spara e uccide ladro

     Un uomo è stato ucciso con un colpo di fucile a Santopadre, in provincia di Frosinone. Sulla vicenda sono in corso indagini dei carabinieri. Da una primissima ricostruzione si ipotizza che si possa trattare di un tentativo di furto finito in tragedia. Non si...

    Obama-Springsteen: siamo qui per dare voce agli esclusi

    Obama-Springsteen: siamo qui per dare voce agli esclusi

    (ANSA) - ROMA, 25 OTT - Non essere un outsider, ma dare voce agli esclusi, allargare la comunità e diffondere valori positivi. Questo l'aspetto più importante della "missione" portata avanti da Barack Obama e Bruce Springsteen, secondo quanto spiegato da loro stessi...