CORIANO. MIRCO ACQUARELLI “LA MIA SECONDA VITA GRAZIE ALLA SEDIA A ROTELLE”

Mag 25, 2017

  • Condividi l'articolo

    “L’importante non è cadere ma sapersi rialzare”. Un leit-motiv che si adatta perfettamente alla storia di Mirco Acquarelli. Ragazzo 34enne di Coriano che è rimasto paralizzato dopo un incidente stradale. Uno sportivo amante della vita, della natura, degli animali. Dopo l’iniziale disperazione, ha reagito alla sfortuna iniziando una seconda vita.

    Come il celebre detective Ironside, protagonista di una serie televisiva, ha una visione dal basso, ossia percepisce la realtà quotidiana da una particolare angolazione. Ha intrapreso un’attività agonistica paralimpica dal basket in carrozzina, al tennis tavolo, alla Karatella Race di Coriano che ha ideato e organizza ogni anno.

    Un evento dove i partecipanti devono costruire appunto “una caratella”, un bolide monoposto con partenza a spinta. Vince colui che riesce a percorrere 800 metri senza distruggere il mezzo. Alla gara sono collegate iniziative sociali per la raccolta fondi destinata a progetti sul territorio come il Centro Giovani. “La sedia a rotelle mi ha insegnato che la vita ti offre sempre una seconda possibilità”.

    Salvatore Occhiuto

    Condividi:

  • Premi: a Nicolò Melli il ‘Primo Tricolore’ di Reggio Emilia

    Premi: a Nicolò Melli il ‘Primo Tricolore’ di Reggio Emilia

    (ANSA) - REGGIO EMILIA, 06 DIC - Il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi ha consegnato stamattina una copia del Primo Tricolore a Nicolò Melli, cestista dell'Olimpia Milano e della Nazionale Italiana di basket. "Sono emozionato e onorato di ricevere questo premio - ha...