Coriano. Sanpa: “Ventanni” di amicizia e solidarietà

Gen 25, 2019

  • Condividi l'articolo

    Una nuova etichetta per celebrare il profondo legame che unisce l’enologo

    Riccardo Cotarella ai ragazzi di San Patrignano

     

     

    Vent’anni  fa Riccardo Cotarella arrivava per la prima volta a San Patrignano chiamato per aiutare i ragazzi della comunità a concretizzare un sogno: trasformare la cantina in una produzione vitivinicola di qualità, che potesse valorizzare ed esprimere l’identità di un territorio nel migliore dei modi. Una sfida rivoluzionaria che ha visto in due decadi trasformare gli impianti e il modo di concepire il vigneto e le tecniche di cantina.

    Un percorso complesso che oggi la Comunità e Riccardo hanno voluto festeggiare con la creazione di un’etichetta chiamata con semplicità “Ventanni”, proprio a sottintendere la strada fatta insieme raggiungendo risultati concreti, ma soprattutto costruendo un legame profondo di amicizia, stima, affetto e sostegno reciproci. “Ventanni” è un Sangiovese 100% DOC Superiore che con il suo abbraccio aromatico avvolge l’olfatto e dona al palato una piacevole densità gustativa. Un vino perfetto per accompagnare salumi, primi, carni, formaggi.

    Un’etichetta a tiratura limitata di 6.500 bottiglie che si aggiunge alle undici già in commercio tra bianchi, rossi e spumanti distribuiti in Italia e all’estero.

     

    La Cantina di San Patrignano nasce come uno dei primi settori di formazione della Comunità a fine anni 70. Oggi occupa un’area di 5.700 metri quadri con impianti ed attrezzature tecnologicamente avanzati per garantire la perfetta resa in ogni fase di lavorazione, invecchiamento compreso. Conta 75 ragazzi che, parallelamente al percorso di recupero, portano avanti una formazione continua grazie alla quale imparano tutti i segreti per la produzione di un vino di alta qualità. Nell’arco dell’anno, ognuno di loro partecipa alla coltivazione dei vigneti, alla raccolta e alle lavorazioni per la trasformazione dell’uva. Si parte nei mesi invernali con la potatura delle piante per poi arrivare, a marzo, alla piegatura. Seguono poi la scelta dei germogli; il convogliamento della vegetazione e le attività in cantina; dall’affinamento all’imbottigliamento fino a tutte le operazioni di magazzino.

     

    DENOMINAZIONE: Romagna Sangiovese DOC Superiore 2016
    VARIETA’: Sangiovese 100%
    RACCOLTA: Manuale verso la metà di Ottobre

    RESA: 50 Quintali per ettaro

    FERMENTAZIONE ALCOLICA: Fermentazione alcolica in acciaio a temperatura controllata con lunga permanenza sulle bucce e periodici rimontaggi.

    Fermentazione malolattica svolta naturalmente

     

    AFFINAMENTO: 12 mesi in grandi botti di rovere di slavonia da 30 ettolitri
    CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE: Di un bel colore rosso rubino intenso con riflessi granati. Roteando il vino nel bicchiere si apprezzano archetti ben distinti e fitti che scendono lentamente, mettendo subito in evidenza la struttura e la densità di questo vino. Alla prima olfazione emergono aromi intensi di mora matura, lampone, prugna e solo successivamente si percepiscono le componenti terziarie di sottobosco, terra bagnata, liquirizia e cuoio.

    Al palato ha una piacevolissima densità gustativa. I tannini varietali sono ben levigati ed assecondano una consistenza quasi polposa del vino, che manifesta al tempo stesso una piacevole freschezza e mineralità, tipiche del terroir di provenienza.

    Chiude con persistenza ed eleganza.

    TEMPERATURA DI SERVIZIO OTTIMALE
    18°
    NUMERO DI BOTTIGLIE PRODOTTE: 6.500
    FORMATI DISPONIBILI: 0,75 L
    ABBINAMENTI
    Inserire icone di: salumi, primi, carni, formaggi

     

     

  • COVID: ECDC, LE FESTE POSSONO PEGGIORARE LE COSE

    COVID: ECDC, LE FESTE POSSONO PEGGIORARE LE COSE

    (ANSA) - BRUXELLES, 07 DIC - "Siamo in una situazione molto grave con alti livelli di trasmissibilità del Covid. Il prossimo periodo festivo, in cui i contatti tra gruppi di persone aumentano, può peggiorare le cose. Con l'espansione ulteriore che attendiamo dalla...

    Omicron: primo caso sequenziato in Calabria, sta bene

    Omicron: primo caso sequenziato in Calabria, sta bene

    (ANSA) - REGGIO CALABRIA, 07 DIC - Primo contagio Covid da variante 'omicron' in Calabria. Si tratta di un soggetto, di circa 30 anni, tornato in Calabria domenica scorsa con un volo da Francoforte via Roma, ma proveniente da Johannesburg.    Vaccinato...