Dalla Bielorussia all’Italia, nuova vita per bimbo iracheno

Gen 26, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – BOLOGNA, 26 GEN – Comincia in Italia, a Bologna, una
    nuova vita per Taman, 8 anni, bimbo iracheno senza arti
    inferiori, amputati per via di una malattia congenita e
    sostituite da protesi, e per la sua sorellina Tanya di 11 mesi,
    per la quale si teme la stessa patologia. Entrambi sono
    atterrati nel nostro Paese con la loro famiglia dopo un viaggio
    lungo e insidioso iniziato in Iraq, con la speranza di
    raggiungere l’Europa, per poi subire un estenuante stop in
    Bielorussia, patendo fame e freddo al confine con la Polonia.
        A differenza di altre migliaia di migranti sospesi nel limbo
    bielorusso, alle porte dell’Europa, per Taman e la sua famiglia
    c’è un lieto fine. Dopo essere atterrati a Fiumicino, grazie
    alla collaborazione della Croce Rossa Italiana con il ministro
    Luigi Di Maio e tutto il personale del Ministero degli Affari
    Esteri, la Regione Emilia Romagna, il Comitato della Croce Rossa
    di Bologna e l’Istituto Ortopedico Rizzoli, ora papà Sangar, 32
    anni, mamma Kanar, 30, e i loro tre bimbi, Taman, Haryad e Tanya
    sono in una calda casa di Bologna. Al Rizzoli Taman e la
    sorellina potranno finalmente ricevere le cure mediche di cui
    hanno bisogno. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Novafeltria. Grave incidente: perde la vita motociclista

    Novafeltria. Grave incidente: perde la vita motociclista

    Mortale in Alta Valmarecchia con vittima un motociclista 54enne di Novafeltria. L'uomo avrebbe perso il controllo del mezzo, finendo contro il guardrail. Sul posto il 118: i medici hanno cercato di rianimare il 54enne, ma non c'è stato nulla da fare. In quel tratto di...