Figc: Salaria Sport Village diventerà “Casa delle Nazionali”

Lug 23, 2020

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 23 LUG – L’Agenzia Nazionale per i beni
    confiscati alla criminalità organizzata assegnerà a Roma
    Capitale il ‘Salaria Sport Village’ e, in base a un protocollo
    già firmato, il Campidoglio e la Federazione Italiana Gioco
    Calcio porteranno avanti un progetto ambizioso per riqualificare
    il polo sportivo più grande d’Italia.
        È questo il percorso tracciato durante l’incontro svoltosi
    questa mattina, cui è seguito un sopralluogo all’interno della
    struttura al quale erano presenti, insieme al direttore
    dell’Agenzia Nazionale per i beni confiscati alla criminalità
    Bruno Frattasi, la sindaca di Roma Virginia Raggi, il presidente
    della FIGC Gabriele Gravina e alcuni funzionari di Roma Capitale
    e della Regione Lazio.
        Il progetto al quale la Figc e Roma Capitale stanno lavorando è
    quello di realizzare un centro polivalente che possa ospitare la
    nuova “Casa delle Nazionali”: una sede tecnica destinata ad
    accogliere i raduni di alcune delle Nazionali azzurre,
    valorizzare tutte le strutture sportive esistenti grazie alla
    collaborazione con altre Federazioni e – per la prima volta in
    unico centro – realizzare un polo aperto a tutte le dimensioni
    sociali del calcio, in particolare quella della disabilità. È
    intenzione della Federcalcio, infatti, farne sede della
    neocostituita Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Lavoro: Coldiretti, domani click day per 70 mila stranieri

    Lavoro: Coldiretti, domani click day per 70 mila stranieri

     Scatta domani il primo click day per l'ingresso di lavoratori stranieri che riguarderà l'assunzione di lavoratori non stagionali e autonomi, mentre martedì 1 febbraio 2022 sarà la volta degli stagionali. Lo rende noto la Coldiretti, nel sottolineare che il...

    Dalla Bielorussia all’Italia, nuova vita per bimbo iracheno

    Dalla Bielorussia all’Italia, nuova vita per bimbo iracheno

    (ANSA) - BOLOGNA, 26 GEN - Comincia in Italia, a Bologna, una nuova vita per Taman, 8 anni, bimbo iracheno senza arti inferiori, amputati per via di una malattia congenita e sostituite da protesi, e per la sua sorellina Tanya di 11 mesi, per la quale si teme la stessa...