Fisco, Ronaldo in tribunale a Madrid Per il fuoriclasse una sanzione di 18,8 milioni

Gen 22, 2019

  • Condividi l'articolo

    Cristiano Ronaldo è arrivato in tribunale, a Madrid, per chiudere in sede giudiziaria l’accordo con il Tesoro spagnolo sulle imposte non versate per i diritti d’immagine tra il 2011 e il 2014.Occhiali da sole scuri, jeans e giacca scura, l’attaccante della Juventus è entrato negli uffici giudiziari accompagnato dalla fidanzata Georgina, senza rilasciare dichiarazioni ai numerosi giornalisti presenti.

    Il fuoriclasse portoghese ha già patteggiato due anni di reclusione e il pagamento di una sanzione da 18,8 milioni di euro, come stabilito nell’udienza della scorsa estate. In questo modo Ronaldo – che peraltro ha sempre negato ogni addebito – ha evitato, essendo incensurato, il rischio del carcere. CR7 è accusato di avere commesso 4 violazioni e l’erario spagnolo gli aveva contestato una mega evasione fiscale, tutta legata ai diritti di immagine. Il giocatore avrebbe già pagato la sanzione, resta l’ultimo atto dell’iter giudiziario, davanti al giudice dell’Audiencia Provincial de Madrid.

    “Todo perfecto, hombre”, “tutto perfetto, uomo”: Ronaldo si è rivolto così ad un giornalista che, all’uscita del tribunale di Madrid, gli ha chiesto se andasse tutto bene.

    L’udienza davanti al giudice dell’Audiencia Provincial de Madrid, per chiudere la partita col fisco spagnolo per le imposte non versate sui diritti d’immagine tra il 2011 e il 2014, è durata poco più di un’ora.  Ansa.it

  • Covid:scritte no vax imbrattano insegna hub vaccinale nel Barese

    Covid:scritte no vax imbrattano insegna hub vaccinale nel Barese

    (ANSA) - BARI, 08 DIC - Ignoti hanno danneggiato la notte scorsa l'insegna dell'hub vaccinale del Comune di Ruvo di Puglia. Lo scrive su fb il sindaco della città, Pasquale Chieco, annunciando che l'insegna è stata rimossa e rivelando che sulla stessa erano state...

    Zaki a casa con la maglietta dell’Università di Bologna

    Zaki a casa con la maglietta dell’Università di Bologna

    Una delle prime cose che Patrick Zaki ha fatto non appena arrivato a casa dopo essere stato scarcerato è stato indossare una maglietta dell'Università di Bologna, che l'ateneo gli aveva fatto recapitare. La rete degli attivisti che per 22 mesi si è battuta per la sua...