La Ginnastica Riccione resta in A2

Apr 26, 2022

  • Condividi l'articolo

     

    Sarà ancora A2 per la Ginnastica Riccione. Caterina Cereghetti, Francesca Noemi Linari, Sara Camba, Sofia Solari, Adriana Poesio e Aurora Pilolla sabato al PalaVesuvio di Napoli sono state protagoniste di un’ottima prova, conclusa con il 4° posto, a soli tre decimi dal podio, dimostrando che se gli infortuni non avessero bersagliato il team riccionese (che di fatto non ha mai potuto contare sulla sua straniera, l’ucraina Daniele Batrona) ci sarebbe stato da divertirsi. Ad imporsi nell’ultima tappa del campionato 2022 è stata la Ginnastica Heaven, che ha conquistato anche lo scudetto della Serie A2 2022, secondo gradino del podio per la Ginnastica Artistica Lissonese, terzo per la Renato Serra, promossa in A1.

    A Napoli grande prova di carattere da parte di tutte le atlete della Ginnastica Riccione, accompagnate dai tecnici Lorenzo Mulitze, Oksana Pershyna e Nataliia Komarynska, e dai tecnici federali Paolo Bucci e Tiziana Di Pilato.

    Sugli scudi l’azzurra Caterina Cereghetti, tornata per la prima volta su tutti gli attrezzi dopo l’operazione al gomito, protagonista di una parallela da 12.900, secondo punteggio assoluto di tutta la giornata. Ottimo anche il corpo libero di Francesca Noemi Linari (12.350), terzo punteggio di tutta la giornata. In evidenza alla trave Adriana Poesio: 11.750 con il migliore punteggio di esecuzione di giornata della squadra (7.85), seguita da Sara Camba, con un’esecuzione di 7.75 e un punteggio finale di 11.650; al volteggio Sofia Solari con 12.550, secondo miglior punteggio di squadra, e alla parallela Aurora Pilolla, che ha migliorato il suo punteggio (10.700), il terzo migliore del team. La squadra ha chiuso con un punteggio complessivo di 144.450 che ha permesso a Riccione di chiudere la classifica di campionato in ottava posizione a quota 284.100. 

    “Sono molto soddisfatto di questa terza gara – commenta il presidente della Ginnastica Riccione, Francesco Poesio -, anche se sono anche un po’ dispiaciuto per le prime due giornate: per tutto il campionato abbiamo avuto cinque ginnaste su sette infortunate, e questo ci ha penalizzato molto. Nelle prime due giornate per esempio avevamo tre salite alla volteggio su quattro e non abbiamo avuto così la possibilità di scartare il punteggio più basso, stessa situazione al corpo libero. Non abbiamo poi di fatto mai potuto schierare la nostra straniera Daniela Batrona, che ha partecipato alla Coppa del Mondo e che sarebbe stata una delle nostre punte di diamante. Abbiamo così rischiato anche la retrocessione. Nel momento in cui abbiamo recuperato dagli infortuni le ginnaste è uscito fuori il vero valore tecnico della squadra e siamo arrivati quarti, a soli tre decimi dal podio, che le ragazze avrebbero meritato per la determinazione messa in pedana. Caterina Cereghetti nell’all-around ha fatto oltre 50 punti, Noemi Linari ha confermato tutto il suo talento, Adriana Poesio ha recuperato dal problema fisico e Sara Camba è finalmente rientrata dopo un anno di assenza dai campi di gara. Siamo contenti di poter partecipare al prossimo campionato di A2, che sarà il nostro terzo consecutivo. E questa è un’impresa storica per Riccione e un grande orgoglio per lo staff della società e per tutta la città. Faccio i complimenti a tutti i nostri allenatori, che lavorano tutti i giorni per far crescere le nostre atlete”.