Laura Boldrini denunciata per “attentato alla Costituzione”

Ago 25, 2017

  • Condividi l'articolo

    La denuncia presentata da Niki Dragonetti, imprenditore e coordinatore provinciale dei Popolari per l’Italia: “La Bordini ha commesso il reato di istigazione a delinquere”.

    Un esposto presentato in procura e da accusatrice Laura Boldrini finisce col ritrovarsi accusata.

    Dalle querele per quelli che la offendono online a questa denuncia per “attentato alla Costituzione”. Il salto è stato breve.

    A presentare l’esposto presso la procura di Cassino (Frosinone) è stato un imprenditore, Niki Dragonetti, che tra le altre cose è anche il coordinatore provinciale dei Popolare per l’Italia. La denuncia, secondo quanto riporta il Tempo oggi in edicola, è composto da ben 12 pagine ben documentate. A far scattare la molla sarebbe stato un tweet lanciato dalla Boldrini sui suoi social. Secondo Dragonetti, con le sue parole la presidente della Camera avrebbe offeso gli italiani, “accusandoli di razzismo”.

    Ma quale sarebbe il tweet incriminante? Eccolo: “Europa, resistenza a cedere quote sovranità – scriveva la Boldrini – Ma traguardo va raggiunto o prevarranno disgregazione e populismo”. Secondo Dragonetti, le parole della presidente sarebbero punibili come reato di istigazione a delinquere. Perché? Semplice: la Boldrini con quelle frasi avrebbe chiesto agli italiani di compiere un atto anti-Costituzionale, perché la sovranità appartiene solo al popolo e non può essere certo delegata completamente a organi sovranazionali come la Ue. “La cessione di sovranità dell’Italia in favore dell’Europa rappresenta indiscutibilmente – si legge nel documento presentato ai magistrati – la fine dell’Italia quale nazione libera ed indipendente, ciò è esattamente quello che accadrebbe in caso di occupazione militare del paese”. Quindi Dragonetti conclude: “Laddove la cessione della sovranità avviene oltre i limiti del dettato Costituzionale, anche se in assenza di violenza, ricorre la piena punibilità dell’ex articolo 243 del codice penale: atto ostile”. Il Giornale.it

  • Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Un giudice canadese ha rilasciato la direttrice finanziaria del colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, Meng Wanzhou, chiudendo il procedimento di estradizione in una breve udienza svolta davanti alla Corte Suprema della British Columbia.   ...

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Alla redazione di Fanpage.it è stata notificata la revoca del decreto di sequestro relativo all'inchiesta giornalistica sui fondi della Lega e sull'ex sottosegretario Claudio Durigon. Lo rende noto la stessa testata: "La Polizia Postale ha inviato alla direzione un...