L’Onu ci manda gli ispettori per difendere migranti e rom

Set 10, 2018

  • Condividi l'articolo

    L’Alto commissario per i diritti umani annuncia: “In Italia razzismo e violenza, invieremo personale”. E poi critica la chiusura dei porti alle Ong

    Ci mancava la reprimenda dell’Onu. Sul tema delle politiche migratorie che ogni stato mette in pratica, adesso scende in campo anche il nuovo Alto commissario Onu per i diritti umani Michelle Bachelet.

    Ma non solo su quello. Perché l’annuncio fatto oggi dall’ex presidente cileno nel suo primo discorso al Consiglio di Ginevra ha il sapore di un’azione moralizzatrice, se non di una vera e propria “invasione”.

    “Abbiamo intenzione di inviare personale in Italia per valutare il riferito forte incremento di atti di violenza e di razzismo contro migranti, persone di discendenza africana e rom”, ha dichiarato Bachelet. Stesso discorso varrà anche per l’Austria.

    “Il governo italiano ha negato l’ingresso di navi di soccorso delle Ong. Questo tipo di atteggiamento politico e di altri sviluppi recenti hanno conseguenze devastanti per molte persone già vulnerabili. Anche se il numero dei migranti che attraversano il Mediterraneo è diminuito, il tasso di mortalità per coloro che compiono la traversata è risultato nei primi sei mesi dell’anno ancora più elevato rispetto al passato”, ha precisato l’Alto commissario.

    E ancora, secondo Bachelet, gli sforzi dei governi per respingere gli stranieri non risolvono la crisi migratoria e causano solo nuove ostilità. “È nell’interesse di ogni stato adottare politiche migratorie radicate nella realtà, non in preda al panico”, ha detto l’ex presidente cileno criticando l’erezione dei muri di confine, la separazione delle famiglie di immigrati e l’incitamento dell’odio contro i migranti. “Queste politiche non offrono soluzioni a lungo termine a nessuno, solo più ostilità, miseria, sofferenza e caos”, ha affermato.

    Nelle osservazioni di oggi, l’Alto commissario non ha citato esempi concreti, ma una versione più lunga del suo discorso presentata al Consiglio ha fatto riferimento a paesi tra cui Stati Uniti, Ungheria e Italia. All’inizio di settembre, Bachelet ha ottenuto la carica succedendo al diplomatico giordano delle Nazioni Unite Zeid Ràad Al Hussein, noto per il suo approccio altamente conflittuale nei confronti di alcuni di questi paesi. Oggi Bachelet ha invece optato per un tono meno combattivo, sottolineando al Consiglio per i diritti umani che avrebbe combattuto per i diritti umani mantenendo però la disponibilità ad ascoltare i governi. “I paesi dovrebbero vedere i diritti umani come uno strumento per lo sviluppo economico e contro l’estremismo violento. È costruendo l’accesso a tutti i diritti umani che la società diventa più forte e più capace di resistere a choc imprevedibili”.

    Intanto il ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini, respinge le accuse dell’Alto commissario al mittente: “L’Italia negli ultimi anni ha accolto 700mila immigrati, molti dei quali clandestini, e non ha mai ricevuto collaborazione dagli altri paesi europei. Quindi non accettiamo lezioni da nessuno, tantomeno dall’Onu che si conferma prevenuta, inutilmente costosa e disinformata: le forze dell’ordine smentiscono ci sia un allarme razzismo. Prima di fare verifiche sull’Italia, l’Onu indaghi sui propri stati membri che ignorano diritti elementari come la libertà e la parità tra uomo e donna”. Il Giornale.it

  • Apple alza velo su nuovo MacBook Pro, più veloce e potente

    Apple alza velo su nuovo MacBook Pro, più veloce e potente

    Apple presenta il nuovo MacBook Pro in due versioni, una con schermo da 16 pollici e l'altra da 14 pollici. Dotato di una telecamera a più alta risoluzione, il nuovo MacBook Pro presenta "il miglior sistema audio" per un notebook, è più potente e veloce grazie al chip...

    Green pass: nuovo corteo non autorizzato in centro a Milano

    Green pass: nuovo corteo non autorizzato in centro a Milano

    (ANSA) - MILANO, 18 OTT - Nuovo corteo 'No Green Pass' non autorizzato, verso sera, in centro a Milano. Alle ore 18.40 - ha reso noto la Questura - circa 300 persone, dopo essersi ritrovate alle 17 in piazza Fontana con appelli sui social networks, si sono mosse,...