Manovra, Tria sbotta in commissione: “Se non va bene me ne vado”

Dic 5, 2018

  • Condividi l'articolo

    Il ministro non accetta domande: “Non è un’audizione”. Poi accenna: “Valuteremo quota 100 e reddito minimo”. Le opposizioni insorgono

    “Sono sbarcato da un aereo e sono venuto qui”. Il ministro dell’Economia Giovanni Trianon accetta che gli vengono poste della domande durante la commissione Bilancio della Camera prima dell’inizio del suo intervento sulla manovra economica.

    “Non ho aderito a un’audizione ma a un’informativa – sbotta – il tema è da informativa, non da audizione. Non sono in grado di fare un’audizione. Se non siete d’accordo me lo dite e io, non vi offendete, me ne vado”.

    L’avvio di una procedura per debito nei confronti dell’Italia dipenderà dalle “decisioni politiche” che verranno prese a Roma. Quelle che ne discenderanno a Bruxelles, probabilmente il 19 dicembre, cioè l’avvio o l’archiviazione della procedura per deficit eccessivo legata al debito, saranno una mera conseguenza delle “decisioni politiche” che prenderanno Matteo Salvini e Luigi Di Maio. “Sta al governo italiano – spiega una fonte della Commissione – trovare le misure che permettano di rendere le sue politiche compatibili con le regole”. L’esecutivo europeo ha le sue preferenze tecniche. Quota 100, per esempio, è particolarmente malvista perché, dovendo fare a pezzi la legge Fornero, potrebbe avere effetti strutturali. “Non interveniamo nelle scelte interne – ci tengono, tuttavia, a far presente a Bruxelles – ma bisogna far entrare il cuscino nella valigia. Bisogna cioè trovare il modo di rendere compatibili le misure politiche con le regole”. Reduce da una notte di trattative nell’Eurogruppo sulle misure necessarie a rafforzare l’Unione economico monetaria, Tria ammette che sulla manovra il sentiero è stretto. “Dobbiamo raggiungere qualche risultato e sono necessari anche atti concreti. Stiamo studiando le varie opzioni, che rimangono possibili finché non vengono valutate politicamente”.

    Secondo Tria i rapporti con Bruxelles stanno migliorando. “C’è una interlocuzione con la Commissione Ue, un dialogo che diventa sempre più costruttivo con la finalità di riuscire a evitare, se possibile, che l’Italia entri in una procedura di infrazione per deficit eccessivo”, ha spiegato durante le comunicazioni sulla legge di Bilancio in commissione Bilancio della Camera. “Sono in atto simulazioni per capire quali sono i margini per trovare soluzioni condivise”. Sul tavolo del governo ci sono quota 100 e reddito di cittadinanza i cui disegni non sono stati ancora definiti. L’obiettivo è trovare spazi politici e finanziari per un negoziato concreto con la Commissione europea. Allo stato, ha spiegato Tria, l’esecutivo vuole capire, “attraverso le simulazioni in atto, se queste misure richiederanno risorse minori di quanto posto nel fondo in manovra”. Se così fosse, il passo successivo sarebbe decidere se queste misure andranno a ridurre il deficit per evitare la procedura di infrazione. Tuttavia, e ci ha tenuto a ribadirlo anche questa sera, durante i lavori in Parlamento non ci dovrà essere “incertezza” perché “la manovra e il quadro di bilancio di finanza pubblica” restano quelli che sono stati presentati. “Non c’è nessuna decisione politica di modifica”, ha quindi aggiunto ricordando che “qualunque accordo è subordinato al fatto che non si toccano le priorità del governo che sono state dichiarate al Parlamento con la legge di Bilancio”.

    Il Giornale.it
  • Covid:scritte no vax imbrattano insegna hub vaccinale nel Barese

    Covid:scritte no vax imbrattano insegna hub vaccinale nel Barese

    (ANSA) - BARI, 08 DIC - Ignoti hanno danneggiato la notte scorsa l'insegna dell'hub vaccinale del Comune di Ruvo di Puglia. Lo scrive su fb il sindaco della città, Pasquale Chieco, annunciando che l'insegna è stata rimossa e rivelando che sulla stessa erano state...

    Zaki a casa con la maglietta dell’Università di Bologna

    Zaki a casa con la maglietta dell’Università di Bologna

    Una delle prime cose che Patrick Zaki ha fatto non appena arrivato a casa dopo essere stato scarcerato è stato indossare una maglietta dell'Università di Bologna, che l'ateneo gli aveva fatto recapitare. La rete degli attivisti che per 22 mesi si è battuta per la sua...