No max chiamano i carabinieri. I bimbi restano fuori dall’asilo

Set 12, 2017

  • Condividi l'articolo

    Polemiche davanti a scuole e asili. Da Milano a Udine chiesto l’intervento dei militari. Ma i bimbi non possono entrare

    Nel giorno in cui aprono gli asili, i “No Vax” danno battaglia. A Milano sono dovuti intervenire i carabinieri in due scuole per due episodi analoghi legati a bambini che non sono stati accettati a scuola perché non erano in possesso della documentazione obbligatoria sui vaccini.

    I militari, però, hanno fatto rispettare le recenti norme sui vaccini e i piccoli non sono stati fatti entrare. A Latisana, in provincia di Udine, invece, la bimba è stata ammessa con riserva solo per un giorno. “Vorrei dirlo molto chiaramente: non c’è alcun caos, il caos esiste solo in quei casi in cui non si vuole applicare la norma – ha commentato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin – le procedure sono state chiarite, chi vuole mettere in regola i propri figli può farlo in qualsiasi maniera e c’è la volontà dell’amministrazione di venirgli incontro”.

    I “No Vax” non vogliono accettare la normativa che tutela tutti i bimbi obbligando i genitori, che non lo hanno ancora fatto, a vaccinare i figli se vogliono che questi entrino a scuola. E così, nel primo giorno di asilo, non sono mancate le scenate agli ingressi. Con tanto di telefonate ai carabinieri. Un episodio è avvenuto a Milano, nella scuola materna di via Goldoni, dove, dopo il “no” della direzione all’ingresso a scuola dell’alunno per cui non erano state presentate le certificazioni, i genitori hanno chiamato i carabinieri. Come previsto dalle recenti norme sugli obblighi per i vaccini, però, non c’è stata possibilità che il bambino entrasse a scuola. Un caso analogo è, poi, successo anche a Sesto San Giovanni dove i genitori di un bambino non accettato a scuola per lo stesso motivo hanno provato a rivolgersi (inutilmente) alle forze dell’ordine.

    A Latisana, invece, la bimba è stata ammessa con riserva solo per un giorno. La madre ha portato la figlia all’asilo senza i documenti della vaccinazione e, richiamata dai dirigenti della scuola perché non in regola con i documenti previsti dalla legge sull’obbligo dei vaccini, ha chiamato le forze dell’ordine. I carabinieri, che sono intervenuti sul posto, hanno fatto notare alla donna che si tratta di un adempimento previsto dalla normativa. Alla richiesta della certificazione la mamma ha confermato di non averlo e di non essere intenzionata a produrlo, contestando nello specifico le righe finali del documento dove si precisa che i dati forniti “saranno trattati dal personale scolastico, docente e non docente”. Il Giornale.it

  • Droga: catturato in Spagna latitante ricercato da Pm Catania

    Droga: catturato in Spagna latitante ricercato da Pm Catania

    (ANSA) - CATANIA, 24 SET - Il latitante colombiano Julio Cesar Hurtado Rodriguez, accusato dalla Dda della Procura di Catania di essere un narcotrafficante, è stato catturato a Valencia dal corpo nazionale di polizia spagnola. Su di lui pendeva un mandato di arresto...

    Mafia: maxi operazione nel nisseno, oltre 50 arresti

    Mafia: maxi operazione nel nisseno, oltre 50 arresti

    (ANSA) - PALERMO, 24 SET - Maxi operazione antimafia nel nisseno. I carabinieri di Caltanissetta stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di oltre 50 presunti affiliati al clan Sanfilippo di Mazzarino riconducibile alla stidda gelese. I...