“Ora le ‘casette’ arrivano ai migranti ma non ai terremotati”

Set 2, 2017

  • Condividi l'articolo

    A Roma, nel centro d’accoglienza di via Ramazzini, gestito dalla Croce Rossa, arrivano le ‘casette’ per i migranti mentre i terremotati sono ancora nelle tende.

    A Roma arrivano le ‘casette’ per i migranti. Nel centro d’accoglienza di via Ramazzini, gestito dalla Croce Rossa, le tende stanno per fare posto ai prefabbricati.

    A rivelarlo sono la deputata Barbara Saltamartini e Francesco Zicchieri, commissario romano di Noi con Salvini, che attaccano: “Questo campo era stato aperto lo scorso anno per l’emergenza sbarchi e ci era stato garantito dalla Prefettura che sarebbe rimasto aperto solo qualche mese. È passato più di un anno e il centro accoglienza non solo è ancora aperto, ma nel frattempo sono aumentati i clandestini che bivaccano al suo interno”. 

    “Ora, come se non bastasse, – aggiungono – arrivano le casette prefabbricate, quelle che per capirci ci sono per gli immigrati e non per i terremotati che a distanza di un anno ancora non le hanno ricevute. E così la Croce Rossa, che gestisce il centro di accoglienza romano di via Ramazzini, provvede ad ospitare migranti in casette Ikea super-accessoriati“. I due esponenti di Noi con Salvini, poi, si rivolgono al sindaco Raggi “a cui il comitato cittadino dei residenti ha sollecitato più volte un intervento” e chiedono che si proceda “all’immediata chiusura di questo centro di accoglienza”. “Un centro che come avevamo denunciato, e come sta accadendo in tutta la Capitale, sta creando non solo innumerevoli disagi ma anche e soprattutto ha accresciuto gli episodi di illegalità e pericolo per i cittadini residenti nella zona”. L’episodio più eclante è quello di un immigrato che ha spaccato la milza a una 60enne per rubarle 10 euro e le chiavi di casa.

    Il Giornale.it

  • Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Un giudice canadese ha rilasciato la direttrice finanziaria del colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, Meng Wanzhou, chiudendo il procedimento di estradizione in una breve udienza svolta davanti alla Corte Suprema della British Columbia.   ...

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Alla redazione di Fanpage.it è stata notificata la revoca del decreto di sequestro relativo all'inchiesta giornalistica sui fondi della Lega e sull'ex sottosegretario Claudio Durigon. Lo rende noto la stessa testata: "La Polizia Postale ha inviato alla direzione un...