Pianeta unito e diviso, il paradosso alla Biennale Democrazia

Set 14, 2021

  • Condividi l'articolo

    TORINO – La 7/a edizione di Biennale Democrazia, in programma dal 6 al 10 ottobre a Torino, è chiamata, secondo il suo presidente Gustavo Zagrebelsky, “ad indagare le declinazioni del vivere democratico in un mondo molto cambiato, che mai prima di ora è stato così ‘unito’ e ‘globale’ è pur così ‘diviso’, intendendo per divisione la somma delle differenze delle vite delle persone sul pianeta”. Per questo – osserva Zagrebelsky – “è difficile progettare soluzioni comuni anche sociali e politiche in grado di conciliare bisogni molto diversi. Perché, per fare un esempio, vivere questo tempo pandemico e di emergenza climatica nelle nostre case o in Mali, in Cina, in Nuova Zelanda è cosa ben diversa. Il mondo è a una dimensione, ma attraversato da grandi fratture e come Biennale Democrazia cerchiamo di approfondire e mettere in relazione tutte queste contraddizioni”.

    A presentare al Teatro Carignano l’edizione 2021 di Biennale Democrazia, tutta in presenza, previa prenotazione, con obbligo di green pass, ricca di 90 appuntamenti con 215 relatori in 15 sedi diverse, e dal titolo ‘Un pianeta, molti mondi’, c’erano, tra gli altri, il curatore scientifico Massimo Cuono e la Project manager Caterina Pasqui. In prima fila anche la sindaca Chiara Appendino, rappresentanti degli enti locali e delle due fondazioni che da sempre sostengono il festival, il main partner Intesa Sanpaolo e Fondazione Crt. Aprono il festival il 6 ottobre la lectio della senatrice Elena Cattaneo su un tema di assoluta attualità ‘Il metodo scientifico: dubitare per comprendere’ e lo spettacolo ‘Dante fra le fiamme e le stelle, di e con Matthias Martello, con la consulenza di Alessandro Barbero, per i 700 anni dalla morte del poeta. 
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Un giudice canadese ha rilasciato la direttrice finanziaria del colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, Meng Wanzhou, chiudendo il procedimento di estradizione in una breve udienza svolta davanti alla Corte Suprema della British Columbia.   ...

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Alla redazione di Fanpage.it è stata notificata la revoca del decreto di sequestro relativo all'inchiesta giornalistica sui fondi della Lega e sull'ex sottosegretario Claudio Durigon. Lo rende noto la stessa testata: "La Polizia Postale ha inviato alla direzione un...