RICCIONE. AQUILA D’ORO RISCHIA DI CROLLARE

Mag 24, 2017

  • Condividi l'articolo

    Nuova puntata nella telenovela sulla demolizione dell’ex Hotel “Aquila d’Oro” in Viale Ceccarini a Riccione. Dopo la sospensione dei lavori per la polvere e il rumore, adesso anche il rischio di crollo. Un’eventualità prospettata dal Gruppo Colombini che ha comprato l’immobile allo scopo di trasformare l’edificio in un albergo con galleria commerciale.

    La responsabilità viene attribuita al dirigente comunale Cristian Amatori che è stato diffidato dalla proprietà che si trova impegnata in un contenzioso legale con l’amministrazione comunale. Infatti la demolizione doveva essere completata entro il mese di febbraio. Una serie di impedimenti e le proteste di residenti e commercianti hanno rallentato i lavori che saranno conclusi a settembre. Per tutta l’estate macerie e ruderi saranno visibili.

    Salvatore Occhiuto

    Condividi:

  • Positiva non vaccinata, partorisce neonato prematuro e muore

    Positiva non vaccinata, partorisce neonato prematuro e muore

    Una donna 28enne, positiva al Covid e non vaccinata, è morta al Policlinico Umberto I di Roma dopo che, durante la degenza, è stato possibile farla partorire quanto si è capito che le sue condizioni erano ormai disperate.    Il bimbo, nato prematuro,...

    Miller positivo, Ducati rimanda presentazione

    Miller positivo, Ducati rimanda presentazione

    Jack Miller è risultato positivo al Covid e non può lasciare l'Australia. A comunicarlo è stato il pilota della Ducati su Instagram. Il team ha deciso di posticipare la presentazione della nuova stagione, inizialmente prevista per il 28 gennaio, al 7 febbraio). Il 31...