RICCIONE. Arianna Valloni porta la Polisportiva Riccione alle Olimpiadi di Tokyo. La nuotatrice è stata convocata dal CONS e farà parte della delegazione di San Marino

 

Il presidente della Polisportiva Riccione, Giuseppe Solfrini: “Siamo onorati di averla qui come nostra atleta e abbiamo fatto di tutto affinché lei, come gli altri agonisti potessero continuare ad allenarsi anche durante la pandemia contando esclusivamente sulle nostre forze”

Il direttore tecnico del Nuoto Riccione, Paolo Zuntini: “Quando è arrivata da noi questo era il suo obiettivo e lavorando tutti insieme abbiamo raggiunto questo traguardo nonostante le mille difficoltà del periodo”

La Polisportiva Riccione si appresta a esporre la bandiera a cinque cerchi. È infatti arrivata, da parte del
Comitato Olimpico Nazionale Sammarinese, la tanto attesa convocazione alle prossime Olimpiadi di Tokyo
per Arianna Valloni. Un traguardo di enorme prestigio per la ventenne atleta della sezione Nuoto della
Polisportiva Riccione, reso possibile dall’impegno profuso e dai risultati raggiunti in questi ultimi mesi.
Nonostante la giovane età, Arianna Valloni (per lei il biglietto olimpico è arrivato tramite “Universality
Place”) è già quasi una veterana in fatto di esperienze internazionali con i colori di San Marino. Il suo
palmares racconta infatti di tre medaglie conquistate ai Giochi dei Piccoli Stati (due bronzi a San Marino,
negli 800 e 400 metri stile libero, un argento in Montenegro negli 800 stile libero). Ci sono poi un Mondiale,
due Europei in vasca lunga e uno in vasca corta, le Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires 2018 (in cui fu anche
portabandiera della delegazione sammarinese), i Giochi del Mediterraneo a Tarragona e i Mediterranean
Beach Games di Patrasso dove due anni fa Arianna Valloni fece il suo debutto in acque libere centrando un
prestigioso 6° posto sulla distanza dei 5 km. E per finire ci sono anche le esperienze di alto livello ai
Campionati Italiani di categoria coronate con tre medaglie di bronzo.
C’è ovviamente grande soddisfazione in casa Polisportiva, a cominciare dal presidente Giuseppe Solfrini:
“Sapevamo che Arianna ha scelto di allenarsi a Riccione per ottenere questo pass importantissimo per la
sua carriera, seppur sia ancora giovanissima. Siamo onorati di averla qui come nostra atleta e abbiamo fatto
di tutto affinché lei, come gli altri agonisti, potessero continuare ad allenarsi anche durante la pandemia,
pur non avendo avuto nessun aiuto dall’amministrazione locale per tenere aperto l’impianto per i loro
allenamenti anche quando era chiuso agli utenti. Avere un’atleta alle Olimpiadi è una soddisfazione che
ripaga del grande sforzo profuso dalla nostra Associazione e da tutto lo staff. Un grande in bocca al lupo va
ad Arianna, che dovrà farsi valere tra le più forti del mondo”.
Il direttore tecnico della sezione Nuoto non può che essere soddisfatto per aver raggiunto questo
traguardo: “Finalmente è arrivata la conferma dal CONS di questa convocazione – commenta – siamo tutti
molto entusiasti per Arianna e per l’esperienza che andrà a fare. Quando è arrivata da noi un anno fa
questo era il suo obiettivo e abbiamo lavorato insieme tutta la stagione per raggiungerlo nonostante le
mille difficoltà del periodo. Pertanto non posso che essere soddisfatto di aver raggiunto questo importante
traguardo".