RICCIONE. Doppio bronzo ai Campionati d’Italia di Karate FIJLKAM per il Centro Karate Riccione: Anna Orsetti (Kata Esordienti) e Martina Padoan (Kata Cadetti). Il CKR grazie ai buoni piazzamenti degli atleti, è stato premiato come seconda società classificata

 

Nel fine settimana appena concluso il Centro Karate Riccione ha mosso le sue truppe con destinazione Pala
Pellicone di Ostia per partecipare alla battaglia per il titolo di Campione d’Italia di Karate Fijlkam. I tecnici
del CKR erano preoccupati perché dopo mesi e mesi di preparazione senza poter avere parametri di
confronto, cercavano certezze sulla bontà del lavoro svolto sugli atleti.
La conferma è arrivata perentoria. Tutti gli agonisti si sono comportati egregiamente. Nella prima giornata
di venerdì, nella categoria Kata Esordienti l’atleta Anna Orsetti, allenata da Mirka Vasekova del
distaccamento Veneto del CKR, ha centrato un preziosissimo e meritatissimo bronzo. Nei Kata Junior Sofia
Cherubini è stata ad un passo dalla finale per la medaglia, Chiara Bacchini ha superato due turni prima di
fermarsi, così come Jamie Castellani, mentre per Anna Raspugli è stata un’ottima e proficua esperienza.
Domenica invece erano di scena i guerrieri Cadetti, Aurora Serinelli, Maria Marconi, Martina Padoan e
Gabriele Abbruscato. A parte la sfortunata prova di Gabriele che è stato penalizzato eccessivamente dal
giudizio degli arbitri, le “Pink Fighters” riccionesi hanno risposto alla grande.
Tutte e tre sono arrivate a giocarsi la possibilità di entrare al quarto e ultimo turno che spetta solo a 6
finalisti. Aurora si è piazzata 11esima mentre Maria ha sfiorato di un niente l’ingresso in finale arrivando
settima. Un vero peccato perché l’atleta ha dimostrato di esserci e di meritare la preziosa chance. Il
capolavoro però l'ha fatto Martina Padoan. Due Pole concluse al primo posto. Pole d’ingresso alle finali,
seconda dietro la campionessa italiana Roberta Dominici. Finale per il bronzo stravinto con un punteggio
(25,74) che risulterà il più alto ottenuto in tutta la categoria. Una medaglia quella di Martina di enorme
valore emotivo, in quanto la prima dopo la scomparsa del compianto Maestro Riccardo Salvatori, che
spazza via i dubbi e le incertezze, che crea consapevolezza e conferma il grande spessore dei tecnici della
società riccionese. Per Giada Salvatori (figlia di Riccardo) che con determinazione, competenza e un po’ di
follia ha preso in mano la responsabilità del settore agonisti, si tratta di un successo sofferto, sognato e
meritato.
Il Centro Karate Riccione, grazie ai piazzamenti degli atleti, è stato premiato come seconda società
classificata. Riconoscimento ritirato da Manuela Gasperoni che sul podio sembrava non essere da sola ma ci
piace immaginare, fosse accompagnata dal sorriso soddisfatto e compiaciuto di Riccardo.
La trasferta di Roma si è conclusa con due medaglie di bronzo e tanti piazzamenti e il messaggio inviato al
mondo del Karate è stato chiaro e forte: Il Centro Karate Riccione c’è e non molla di un centimetro.