Riccione. Fa sparire quasi 60mila euro dei clienti delle poste

Ex dipendente dell’ufficio postale di Riccione si è beccata due anni e otto mesi di reclusione e una provvisionale di diecimila euro. L’accusa della quale doveva rispondere è peculato perché nella sua qualità di incaricata di pubblico servizio quale addetta allo sportello dell’ufficio postale utilizzava distinte di prelevamento firmate in bianco dai clienti o falsificava le loro firme. Così facendo, e avendo in uso i libretti postali per via del suo incarico, avrebbe sottratto da quei conti circa sessantamila euro in meno di un anno. Otto le parti offese individuate. Gli anziani raggirati sono due coppie di pensionati e quattro correntisti “singoli”. Tutti gli ammanchi risalgono al periodo di tempo compreso fra il 12 dicembre 2014 e il 6 ottobre 2015.