Riccione. Il morbo finalmente rallenta: ecco i contagiati di ogni comune

In merito agli aggiornamenti sul quadro sanitario della provincia, a seguito della conferenza stampa tenuta nel pomeriggio di ieri dal Commissario ad acta per l’emergenza Coronavirus Sergio Venturi, l’AUSL ha comunicato i dati specifici per la provincia riminese.

 

Sono 6 le nuove guarigioni cliniche di pazienti precedentemente risultati positivi a Coronavirus. Sono tre pazienti di sesso maschile e altrettante donne. I pazienti attualmente guariti risultano essere nel complesso 46. A questa notizia si aggiungono altre 20 persone uscite dalla quarantena, che portano il totale complessivo a oltre 320.

 

Restano attualmente in isolamento domiciliare circa 1.950 persone, comprendenti sia gli ammalati sia chi ha avuto contatti stretti con casi positivi accertati.

 

Per ciò che riguarda l’evoluzione dei nuovi contagi, nella giornata odierna se ne contano 25, uno di quali residente fuori provincia, comunicati dalla Regione, con un trend dunque ancora positivo.

 

Il totale si attesta su 1.382 casi diagnosticati per Coronavirus sul territorio della provincia di Rimini, 1.314 residenti in provincia e 68 cittadini residenti al di fuori dei confini provinciali.

 

Per quanto riguarda il dato di ieri – l’ultimo ufficiale -, dei 24 residenti in provincia, 12 sono maschi e altrettante femmine. Sempre di questi pazienti, 14 sono in isolamento domiciliare perché privi di sintomi o con sintomi lievi e 10 ricoverati, di cui nessuno in Terapia intensiva.

 

Quattro purtroppo i decessi, cui si aggiunge un residente fuori regione. I quattro residenti sono tre pazienti di sesso maschile di 58, 79 e 84 anni ed una di sesso femminile di 95 anni.

 

Dati complessivi aggiornati:

Aggiornando i dati precedentemente forniti, sulle persone con residenza o domicilio in provincia di Rimini che risultano positive, va ricordato che tali dati ricomprendono anche residenti che, per vari motivi, possono essere stati diagnosticati fuori provincia.

Tali dati divisi per comune di residenza/domicilio risultano essere i seguenti:

 

Comune Numero casi
Rimini 473
Cattolica 180
Riccione 179
Misano Adriatico 97
San Giovanni in Marignano 105
Santarcangelo di Romagna 42
San Clemente 33
Montescudo-Monte Colombo 27
Morciano di Romagna 27
Coriano 44
Novafeltria 23
Bellaria Igea Marina 23
Saludecio 13
Verucchio 16
Pennabilli 9
Mondaino 8
San Leo 7
Montefiore Conca 5
Gemmano 4
Montegridolfo 5
Talamello 3
Poggio Torriana 4
Maiolo 2
Sant’Agata Feltria 1
TOTALE 1.330

 

 

Con l’occasione si comunica inoltre che è stato costituito nei giorni scorsi ed è operativo anche in questa Provincia un Tavolo di monitoraggio sull’osservanza delle misure di sicurezza nei luoghi di lavoro nei quali, ai sensi dell’Ordinanza della Regione Emilia Romagna n. 48 del 24 marzo 2020, proseguono le attività di lavoro non sospese.

Del Tavolo, coordinato dalla Prefettura, fanno parte rappresentanti delle Organizzazioni datoriali e sindacali, del Servizio prevenzione e protezione ITL di Rimini della AUSL Romagna, di Guardia di Finanza e dell’Ispettorato del Lavoro; questi ultimi effettueranno, su richiesta del Tavolo stesso, verifiche a campione nei luoghi di lavoro.

 

La Prefettura è impegnata, con l’ausilio degli elenchi ricevuti dalla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura della Romagna, nell’attività di verifica delle Comunicazioni trasmesse dalle aziende ed imprese ai sensi del Punto 14 dell’Ordinanza del Presidente della Giunta regionale n. 48 del 24 marzo. In particolare, ad oggi, sono 322 le Comunicazioni ricevute, di cui 10 sospese per mancanza dei requisiti e 15 in istruttoria con richiesta di invio di ulteriori elementi ai fini della valutazione.

Al riguardo, si invitano le Imprese/Aziende ad utilizzare il modello di Comunicazione allegato al Vademecum, pubblicato sul sito della Prefettura.

 

Si raccomanda infine il rispetto delle misure di limitazione agli spostamenti, consentiti solo, come è noto, per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o per motivi di salute.

Al riguardo, le Forze di Polizia invitano la cittadinanza, in via di collaborazione e in considerazione del perdurare dell’emergenza, nel caso in cui si riscontrino situazioni di palese violazione delle misure in atto, ad informare il 112.