Riccione. Intensa l’attività della Polizia di Stato nel fine settimana; stringenti i controlli a Rimini e Riccione

Ago 30, 2021

  • Condividi l'articolo

    A partire dal pomeriggio di venerdi 27 è stata intensificata l’attività di controllo del territorio da parte della Polizia di Stato;

    La Questura di Rimini ha messo in campo un dispositivo di controllo strutturato e coordinato che ha visto il simultaneo impiego di personale dell’Ufficio prevenzione Generale e Soccorso Pubblico che ha implementato il numero di volanti sul territorio, e del Reparto Prevenzione Crimine; ad affiancarli anche equipaggi della Squadra Mobile e della Divisione Polizia Amministrativa che per i propri aspetti di competenza hanno concorso a definire un piano coordinato di controlli, unitamente personale dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Locale.

    Particolarmente attenzionata è stata la località Riccione dove dal primo pomeriggio di sabato il dispositivo di controllo del territorio è stato ulteriormente rafforzato con l’impiego di una squadra del Reparto Mobile di Bologna e degli agenti della Polfer.

    L’attività su Riccione, particolarmente accurata sia in stazione e nel centro città, ha consentito di identificare un numero considerevole di giovani provenienti da altre località e portato all’arresto di un giovane italiano di 19 anni residente a Bergamo, resosi responsabile del reato di furto con strappo ai danni di un turista. Il fatto è accaduto intorno alle 01.00 in viale Ceccarini quando con la scusa di un abbraccio, il giovane ha strappato la collanina dal collo del malcapitato per poi cercare di allontanarsi; la vittima, resosi subito conto dell’accaduto ha immediatamente attirato l’attenzione di una pattuglia della Polizia di Stato che transitava in zona, la quale ha immediatamente rintracciato e identificato un giovane diciannovenne come autore del furto, trovato effettivamente in possesso della collanina; questi è stato tratto in arresto e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

    Intensa anche l’attività d’identificazione e del personale della Divisione  della Polizia Amministrativa che constatando la violazione della normativa anti-covid ha proceduto a notificare il provvedimento di chiusura di un locale notturno di Misano.

     

    L’attività di controllo del territorio ha visto anche un arresto a Rimini.

     

    Domenica notte, durante il regolare servizio di controllo del territorio un equipaggio della sezione volanti della Questura di Rimini è intervenuta in via Popilia dove era stata segnalata la presenza di una persona molesta all’interno di un bar.

    Giunti sul posto gli agenti hanno subito notato un uomo, in evidente stato di agitazione, che stazionava sulla porta del bar.

    Dalla ricostruzione dei fatti, il predetto, un italiano di anni 42, avrebbe chiesto insistentemente dei soldi al titolare del bar, per poi insultarlo e minacciarlo ad un suo diniego. L’uomo avrebbe così insistito fino all’arrivo degli agenti intervenuti contro i quali ha proferito frasi ingiuriose, fino ad arrivare a colpire uno degli operatori con un calcio e a danneggiare la volante a bordo della quale è stato accompagnato in Questura.

    Giunto presso gli uffici della sezione volanti, il quarantaduenne ha continuato ad agire con una condotta violenta e oltraggiosa, non mancando di esternare minacce.

    L’uomo è stato, dunque, arrestato per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per il reato di danneggiamento aggravato.

     

    Complessivamente sono state oltre 600 le persone identificate e circa 200 i veicoli sottoposti a controllo, 2 gli arrestati, 10 le persone denunciate e 1 locale chiuso per inosservanza della normativa anti-covid.

     

    Una intensa attività di prevenzione pianificata al fine di garantire un alto livello di sicurezza.

  • Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Un giudice canadese ha rilasciato la direttrice finanziaria del colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, Meng Wanzhou, chiudendo il procedimento di estradizione in una breve udienza svolta davanti alla Corte Suprema della British Columbia.   ...

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Alla redazione di Fanpage.it è stata notificata la revoca del decreto di sequestro relativo all'inchiesta giornalistica sui fondi della Lega e sull'ex sottosegretario Claudio Durigon. Lo rende noto la stessa testata: "La Polizia Postale ha inviato alla direzione un...