Riccione. Libellule. libri liberi in biblioteca: il programma completo

Mar 11, 2019

  • Condividi l'articolo

    Libellule.
    libri liberi in biblioteca.
    14 febbraio – 7 marzo – 21 marzo 2019
    Biblioteca Comunale Riccione , ore 21. Ingresso libero

    Inaugura giovedì 14 febbraio (biblioteca comunale ore 21, ingresso libero) una nuova rassegna dedicata agli autori dal titolo Libellule. Libri liberi in biblioteca, un ciclo di tre incontri in cui tre autori saranno gli interpreti di tre generi diversi di narrazione.
    Gli appuntamenti scandiscono anche temporalmente, attraverso le giornate che sono state scelte, temi che vanno dall’amore – si comincia con una storia di passione struggente nel giorno di San Valentino – alla composizione poetica, chiudendo la rassegna proprio nella data della Giornata mondiale della poesia.

    La rassegna prende il via giovedì sera con La feroce storia d’amore tra Boris Pasternak e Marina Cvetaeva, il racconto, a cura di Davide Brullo, della corrispondenza sentimentale tra lo scrittore e la poetessa, una passione amorosa epistolare di poesia e dolore reinterpretata dall’autore, una presentazione accompagnata dalla lettura scenica dell’attore Silvio Castiglioni.

    Il secondo appuntamento, giovedì 7 marzo, ha per protagonista Tiziano Scarpa con Soldi, nuvole e libellule, un titolo che nasce dall’unione della sua raccolta di racconti Una libellula di città e altre storie in rima pubblicata nel 2018 da Minimum fax, e delle poesie di Le nuvole e i soldi, volume uscito sempre nel 2018 (Einaudi editore). I suoi racconti sono nati e ispirati dalle assonanze linguistiche, dal gioco di nonsense che le parole sprigionano, tra avventure fantastiche di uomini, piante e animali. Il Premio Stega per Stabat Mater non è “solo” uno scrittore di rara raffinatezza e talento ma anche un drammaturgo e un poeta.

    L’ultima serata, giovedì 21 marzo, è dedicata alla poesia, nella giornata che la celebra, e ha una poetessa come interprete: Isabella Leardini. L’autrice, che ha ideato e dirige il festival Parco Poesia, ha esordito vincendo la sezione inediti del Premio Montale, ha pubblicato i libri La coinquilina scalza, edito nella collana Niebo curata da Milo De Angelis (La Vita Felice, 2004, IV ed.) e Una stagione d’aria (Donzelli, 2017). Le sue poesie sono pubblicate in diverse antologie in Italia e all’estero. Isabella Leardini per questa occasione trasformerà la biblioteca della città nella “casa della poesia”, una serata speciale che vedrà anche la partecipazione di giovani poeti.

    IL PROGRAMMA
    giovedì 14 febbraio ore 21
    presentazione, reading
    DAVIDE BRULLO
    con la partecipazione di Silvio Castiglioni
    La feroce storia d’amore tra Boris Pasternak e Marina Cvetaeva
    da “Un alfabeto nella neve” (Castelvecchi, 2018)

    giovedì 7 marzo ore 21
    presentazione, reading
    TIZIANO SCARPA
    Soldi, nuvole e libellule
    da “Una libellula di città e altre storie in rima” (Minimum Fax, 2018)

    giovedì 21 marzo ore 21
    presentazione, reading
    ISABELLA LEARDINI
    con la partecipazione di giovani poeti
    Il linguaggio magico della poesia
    da “Domare il drago” (Mondadori, 2018)

    GLI AUTORI
    Davide Brullo
    Davide Brullo scrive anche quando dorme. Ha pubblicato, tra l’altro, i libri di poesia Annali, L’era del ferro, Abbecedario antartico, e i romanzi Rinuncio, Ingamr Bergman. La vita sessuale di Franz Kafka, Pseudo-Paolo. Lettera di San Paolo Apostolo a San Pietro, Un alfabeto nella neve, che costituiscono i primi quattro libri del ‘Ciclo del Tradimento’. Scrive su il Giornale e Linkiesta, ha fondato e dirige il quotidiano culturale Pangea (www.pangea.news).

    Tiziano Scarpa
    Scrittore italiano (Venezia 1963). Oltre che romanziere è autore di poesie, di programmi radiofonici (come Pop corn, 1997; La visita, 2006; La musica nascosta, 2008) e scrive testi teatrali (tra cui Comuni mortali, 2007; L’inseguitore, 2008; L’ultima casa, 2011; L’infinito, 2011). Negli anni Ottanta ha anche sceneggiato alcuni fumetti per Frigidaire. Ha collaborato per diversi quotidiani e riviste ed è stato tra i fondatori della rivista on-line Il primo amore e del blog Nazione Indiana. Prima di vincere con Stabat Mater (2009) il Premio Strega e il SuperMondello, ha pubblicato altri romanzi, come Occhi sulla graticola (1996) e Kamikaze d’occidente (2003). Tra gli ultimi scritti si ricordano: Le cose fondamentali (2010), Il brevetto del geco (2016) e, tutti nel 2018, il romanzo Il cipiglio del gufo e le raccolte di versi Le nuvole e i soldi e Una libellula di città e altre storie in rima.

    Isabella Leardini è nata a Rimini nel 1978. Nel 2002 ha vinto la sezione inediti del Premio Montale. Ha pubblicato i libri La coinquilina scalza, edito nella collana Niebo curata da Milo De Angelis (La Vita Felice, 2004, IV ed.) e Una stagione d’aria (Donzelli, 2017). Le sue poesie sono pubblicate in diverse antologie in Italia e all’estero, tra cui Les Poètes de la Méditerranée (Gallimard, 2010) con traduzione di Jean Baptiste Para, e Nuovi poeti italiani 6 (Einaudi 2012) a cura di Giovanna Rosadini. E’ direttore artistico del Festival della poesia giovane Parco Poesia e del premio ad esso legato. Si occupa di laboratori di scrittura poetica dedicati agli adolescenti. Nell’agosto 2018 ha pubblicato il libro “Domare il drago” (Mondadori).

    Biblioteca comunale Centro della Pesa
    Viale Lazio, 10 Riccione
    Tel. 0541600504 e-mail biblioteca@comune.riccione.rn.it

    www.riccione.it

  • Covid:scritte no vax imbrattano insegna hub vaccinale nel Barese

    Covid:scritte no vax imbrattano insegna hub vaccinale nel Barese

    (ANSA) - BARI, 08 DIC - Ignoti hanno danneggiato la notte scorsa l'insegna dell'hub vaccinale del Comune di Ruvo di Puglia. Lo scrive su fb il sindaco della città, Pasquale Chieco, annunciando che l'insegna è stata rimossa e rivelando che sulla stessa erano state...

    Zaki a casa con la maglietta dell’Università di Bologna

    Zaki a casa con la maglietta dell’Università di Bologna

    Una delle prime cose che Patrick Zaki ha fatto non appena arrivato a casa dopo essere stato scarcerato è stato indossare una maglietta dell'Università di Bologna, che l'ateneo gli aveva fatto recapitare. La rete degli attivisti che per 22 mesi si è battuta per la sua...