Riccione. Marocchini pretendono di superare la fila per comprare i panini e minacciano di morte il titolare dell’attività: arrestati

Ago 18, 2017

  • Condividi l'articolo

    Durante il servizio di controllo straordinario del territorio finalizzato al contrasto di spaccio di sostanze stupefacenti ed i reati predatori in genere, gli operatori, sono intervenuti presso Viale Vespucci, dove sono stati segnalati due uomini che aggredivano il personale di un’attività commerciale lì presente.

    Immediatamente intervenuti sul posto, gli agenti hanno accertato che due marocchini, poi arrestati, hanno preteso di essere serviti prima degli altri clienti in fila, senza voler pagare i due panini richiesti. Al rifiuto di dare loro i panini, uno dei due ha afferrato un dipendente per la maglia. Nonostante i vari tentativi di farlo desistere, l’altro marocchino ha colpito con un pugno sul viso il titolare dell’attività facendo cadere a terra mentre l’altro arresto prendeva uno sgabello di ferro presente ai tavoli esterni scagliandolo al suo indirizzo colpendo il muro retrostante.

    Il nipote intervenuto per far cessare quella condotta violenta è stato a sua volta aggredito, con una bottigliata che lo faceva cadere a terra per il dolore. I due dapprima allontanatasi, sono tornati presso quel locale minacciando il nipote “io ti ammazzo, pezzo di merda vieni qua pezzo di merda, ti mangio”.

    Giunti sul posto, i poliziotti hanno quindi bloccato in sicurezza i due marocchini, del 1971 e del 1996, che dopo gli accertamenti in Questura sono stati arrestati per lesioni aggravate.

  • Malagò: ‘Ho rischiato l’ictus, ora sono fuori pericolo’

    Malagò: ‘Ho rischiato l’ictus, ora sono fuori pericolo’

       "La sera del 24 dicembre mi sono ricoverato in day hospital per un piccolo intervento agli occhi, e i medici mi hanno diagnosticato una aritmia atriale, molto comune, che normalmente si sente ma io non l'avevo mai sentita.    Mi hanno detto...

    Giorno Memoria: Elio Germano in scena per Fondazione Fossoli

    Giorno Memoria: Elio Germano in scena per Fondazione Fossoli

    "La giustizia è un principio con cui valutare il passato e ogni stato successivo delle cose": questa citazione del sociologo Zygmund Bauman, tratta dal testo 'Modernità e Olocausto', rappresenta il filo rosso che unisce il cartellone di iniziative promosso a Carpi...