RICCIONE. SERGIO PIZZOLANTE (PATTO CIVICO) “CARLO CONTI UNICA OPZIONE POLITICA PER IL RILANCIO DELLA CITTA”

Mag 17, 2017

  • Condividi l'articolo

    Dalla pagina facebook di Sergio Pizzolante (Patto Civico)

    Ormai è chiaro che solo Carlo Conti può battere la Vescovi al ballottaggio ed evitare che il Pd riconquisti una città che vuol vincere la tristezza. La Tosi ormai appartiene al passato  Si è candidata 4( dicasi quattro) volte a sindaco, ha avuto la sua chance e l’ha fallita.

    Sono sincero! Siccome amo la politica e la città che ho scelto per viverci, la citta dei miei figli e della mia nipotina, pochi mesi dopo la vittoria della Tosi ho provato un certo entusiasmo nel vedere Riccione rifiorire. La pista del ghiaccio, il Green, più libertà per le imprese. La Tosi non era il sindaco che avevo scelto ma cominciavo a sentirlo mio. Una boccata di ossigeno rispetto alla tristezza delle ultime amministrazioni del Pd. Ve le ricordate? Tutto era vietato! Nulla si poteva fare. I viali delle città deserti. Amministrazioni che costruivano muri. Fra le persone e il palazzo comunale. Non solo quello del Trc.

    Preparando la campagna elettorale di Rimini dissi ai miei amici: vedete? Basta poco, non c’è bisogno nemmeno di tanti soldi pubblici, basta rendere le imprese più libere. Poi il blackout! Non solo quello della notte. Intendo quello politico. In poco tempo ha litigato con tutti. Tutti si sono sentiti costretti ad andare via. Nella sua Giunta, nella sua maggioranza, nel suo partito, nei partiti alleati! Anche la Orfei e la sua organizzazione che aveva fatto bene ed era all’origine del successo degli eventi di viale Ceccarini.

    È un fatto. Incontestabile. Alla prova del governo ha fallito. E buona parte dei suoi alleati sono andati via. Quindi, siccome non è pensabile che la voti chi non l’ha votata l’altra volta e visto che la sua maggioranza si è spaccata e molti di quelli che la votarono non la voteranno, non può vincere! Non può! Affiora questa paura. E questo spiega la modesta performance nel dibattito di domenica.

    Quindi solo Carlo con le sue idee, la sua competenza allegra e conciliante, anzi, riconciliante, può vincere la tristezza del Pd e della Vescovi. Preparata ma triste. Hanno scritto i giornali. Ecco Riccione sceglierà Carlo. Preparato e allegro.

  • Verona: Tudor, ci prendiamo primo tempo e lavoriamo

    Verona: Tudor, ci prendiamo primo tempo e lavoriamo

    (ANSA) - MILANO, 16 OTT - "Un vantaggio di 2-0 non lo vogliamo più, è già la terza volta": lo dice sorridendo Igor Tudor, a Dazn, al termine della sconfitta subita dal Milan a San Siro dopo che il suo Verona era riuscito a conquistare un doppio vantaggio nel primo...

    Le lacrime di Castillejo, ‘non mi voleva neanche mia madre’

    Le lacrime di Castillejo, ‘non mi voleva neanche mia madre’

    (ANSA) - MILANO, 16 OTT - E' uscito dal campo piangendo lacrime liberatorie Samu Castillejo che, entrato nel secondo tempo della sfida contro il Verona, si è procurato il rigore del pari e ha propiziato l'autogol del 3-2 di Gunter. Un momento di sfogo del...