Riforma legittima difesa. Crescono dubbi nel M5S: “No a giustizia fai-da-te”

Dic 4, 2018

  • Condividi l'articolo

    La legge sulla legittima difesa, dopo l’ok incassato a Palazzo Madama, è pronto ad arrivare a Montecitorio. Ma non tutti i grillini sarebbero d’accordo.

    Ma qui potrebbe incontrare le resistenze del Movimento 5 Stelle, in particolare dall’ala più progressista dei deputati pentastellati.

    Più di un 5Stelle che siede alla Camera, infatti, avrebbe più di un dubbio sulla misura tanto cara a Matteo Salvini e alla Lega, soprattutto all’impostazione del provvedimento in base alla quale nei casi di legittima difesa domiciliare viene considerata “sempre” sussistente la proporzionalità tra difesa e offesa.

    “Io non accetto che la gente si faccia giustizia da sola. Sono molti quelli che, nel M5S, si lamentano e non approvano la linea leghista ma non hanno il coraggio di esporsi neanche all’interno”, si sfoga così con l’Adnkronos un parlamentare 5 Stelle, secondo il quale tuttavia “ci dovrebbe essere margine per intervenire” con delle modifiche.

    Invece, secondo Mario Perantoni, deputato M5S e membro della Commissione Giustizia, il testo della legge non sarà stravolto. “Probabilmente – dice sempre all’Adnkronosci saranno degli aggiustamenti marginali ma l’impianto della legge rimarrà quello. Non credo che ci sia la volontà politica di andare a incidere sul testo in modo particolarmente decisivo. La sensazione è che ci saranno dei ritocchi non tanto sul versante strettamente penalistico quanto in merito alle conseguenze civilistiche”.

    Il Giornale.it

  • L’addio di Merkel: ‘Grazie per la fiducia’

    L’addio di Merkel: ‘Grazie per la fiducia’

    "Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all'incarico che così a lungo ho tenuto". Lo ha detto Angela Merkel alla cerimonia di congedo da cancelliera, lo Zapfenstreich, in corso a Berlino al ministero della Difesa. Merkel ha spiegato di essere "grata...

    Da 11 anni insegna ai ragazzi malati di tumore, premiata da Mattarella

    Da 11 anni insegna ai ragazzi malati di tumore, premiata da Mattarella

    Daniela Di Fiore era a scuola in ospedale, al Policlinico Gemelli, dove da 11 anni insegna ai piccoli pazienti del reparto Oncologia, quando ha saputo che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la nominava Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica...