Sabrina Vescovi: “Partiamo dal restituire funzionalità al porto. Poi il restyling condiviso con un comitato di coordinamento”

Mag 27, 2017

  • Condividi l'articolo

     

    In questa tornata elettorale, più che mai, si fa un gran parlare di restyling del porto. Segno che per l’area, cuore strategico della nostra città, è davvero arrivato il momento per una riqualificazione importante. Un intervento chiaramente impegnativo, da coordinare con il disegno più complessivo di Riccione. E da condividere con chi il porto lo abita tutto l’anno, per arrivare a definire insieme – pubblico e privato – un restyling che sia possibile dal punto di vista funzionale e sostenibile economicamente.

    Ma prima ancora che mettere in cantiere la riqualificazione del porto, un punto fermo comunque nel nostro programma, occorrerà renderlo più utilizzabile dalle barche. E’ quello che ci chiedono le associazioni, le cooperative e tutte le realtà che con le loro attività svolgono anche un’essenziale funzione di sentinelle. Realtà storiche e altre più giovani, che vanno anche ringraziate per i tanti lavori di manutenzione ordinaria di cui quotidianamente si fanno carico.

    Il tema di migliorare l’accessibilità al nostro porto canale è particolarmente sentito. Proprio in questi giorni si stanno completando i lavori di dragaggio, dall’anno scorso non più in gestione diretta ma affidati alla E.Co.Tec. Un’operazione questa che richiede un monitoraggio costante. E’ necessario che l’imboccatura del porto sia tenuta pulita tutto l’anno e che il fondale ne garantisca l’agibilità. Non dimentichiamo che le difficoltà di accesso per le barche da una certa metratura in su sono anche tante occasioni perse per la città, per il suo indotto.

    La nautica è un settore tutt’altro che semplice da gestire, in particolare in questo momento. Eppure gli operatori ci confermano che ci sarebbe un interesse al transito anche da parte di barche di una certa importanza, così come di una potenziale disponibilità dei grandi armatori ad investire su Riccione. Sta a noi creare le opportunità. Per questo insieme al mandato della prossima amministrazione ci auguriamo possa finalmente costituirsi anche un coordinamento rappresentativo di tutto il porto. Un comitato che, a partire da uno studio sulle diverse criticità, indichi le soluzioni e le priorità d’intervento. Ci sono tante piccole e grandi questioni da affrontare e valutare, dalle banchine che si stanno sgretolando ad alcune migliorìe per la canalizzazione delle acque. Serve un lavoro di squadra.

  • Calcio: Perugia e Vicenza, in campo con ricordo Paolo Rossi

    Calcio: Perugia e Vicenza, in campo con ricordo Paolo Rossi

    (ANSA) - ROMA, 03 DIC - Perugia contro Vicenza, ovvero un 'derby' in nome di Paolo Rossi. A poco meno da un anno dalla morte di Pablito, stasera si affrontano due delle squadre per le quali l'uomo del Mundial gioco' e segnò.    Per questa ricorrenza, la...

    Vaccini: dal 13 in E-R via a prenotazioni per i 5-11 anni

    Vaccini: dal 13 in E-R via a prenotazioni per i 5-11 anni

    (ANSA) - BOLOGNA, 03 DIC - L'Emilia-Romagna è pronta a partire con la vaccinazione anti Covid per i più piccoli, dopo il via libera arrivato dall'Aifa e le indicazioni della Struttura commissariale nazionale: lunedì 13 dicembre apriranno infatti le prenotazioni per la...