Scherma: Cdm fioretto a Belgrado; è ancora Grande Italia

Apr 18, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – BELGRADO, 18 APR – Ancora vincente. Il fioretto
    azzurro fa il pieno di medaglie a Belgrado, in una tappa di
    Coppa del Mondo che si iscrive tra l’elenco delle più ricche per
    la scherma italiana: dopo i tre podi arrivati nelle gare
    individuali di ieri, infatti, la Pasquetta sulle pedane serbe
    dedicata alle prove a squadre ha regalato il trionfo dei
    fiorettisti Daniele Garozzo, Alessio Foconi, Tommaso Marini e
    Guillaume Bianchi, e il terzo posto del team femminile composto
    da Alice Volpi, Arianna Errigo, Erica Cipressa e Martina
    Favaretto.
        E’ quindi un’altra giornata memorabile per il gruppo guidato
    dal ct Stefano Cerioni e dal maestro Fabio Galli. Il millennial
    Tommaso Marini, fresco vincitore dell’individuale di Pasqua
    (dopo il derby azzurro di finale contro Giorgio Avola), si è
    ritrovato per la seconda volta in 24 ore sul gradino più alto
    del podio, questa volta scortato dai più esperti compagni
    Daniele Garozzo e Alessio Foconi e dall’altra new entry degli
    ultimi mesi, Guillaume Bianchi. In apertura il successo per
    45-25 su Singapore, poi con lo stesso punteggio la vittoria
    sull’Egitto che è valsa un posto tra le ‘magnifiche quattro’, e
    in semifinale un altro match dominato contro la Francia,
    sconfitta 45-29. In finale il quartetto
    Garozzo-Foconi-Marini-Bianchi ha incontrato la Polonia,
    imponendosi per 45-27.
        Sorride anche il fioretto femminile italiano che si conferma
    sul podio a squadre per la terza volta in quattro gare
    stagionali (con una vittoria). Il team
    Volpi-Errigo-Cipressa-Favaretto chiude al terzo posto, superando
    prima la Romania per 45-24 e poi la Corea del Sud per 45-22,
    fermandosi solo in semifinale contro la Francia (poi oro) che
    l’ha spuntata all’ultima stoccata, 45-44, dopo un assalto che
    era stato a lungo condotto dalle ragazze guidate in panchina dal
    CT Cerioni e dalla maestra Giovanna Trillini. Poi azzurre, brave
    a tornare in pedana determinate e a prendersi il terzo posto
    grazie al netto 45-15 rifilato al Giappone. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte