Si uccide e indica nome venditore arma

Gen 5, 2018

  • Condividi l'articolo

    Un cinquantenne si è ucciso sparandosi un colpo di fucile al viso e per spiegare il suo gesto ha lasciato un bigliettino in cui ha indicato anche la persona che gli aveva venduto l’arma. Per questo un sessantenne è stato indagato dalla polizia per istigazione al suicidio e il possesso illegale dell’arma. Il fatto è avvenuto due giorni fa in un un’abitazione a Genova dove il cinquantenne viveva da solo seguito dal servizi sociali per uno stato di depressione. Le indagini sono state condotte dai poliziotti del commissariato di Prè e sono partite dal ritrovamento del bigliettino del suicida che ha scritto il nome di chi, a suo dire, gli aveva venduto il piccolo fucile, aggiungendo una frase che faceva intendere che il venditore era a conoscenza delle sue intenzioni suicide.
    L’indagato, una persona senza fissa dimora e seguita da un centro di ascolto del centro storico, quando ha appreso delle accuse ha ammesso di avere venduto l’arma ma negato di essere a conoscenza dell’uso che l’acquirente volesse farne.

  • RICCIONE. Auto d’epoca in esposizione su viale Ceccarini

    RICCIONE. Auto d’epoca in esposizione su viale Ceccarini

    Una meraviglia questo viaggio indietro nel tempo in viale Ceccarini con le vetture d’epoca degli anni Venti, quelle che circolavano sulle strade della nascente Riccione, in un progetto promosso da Adriatic Veteran Cars Club. Tra questi splendori del passato, per...