Strage discoteca: fratello Benedetta, deve esserci più sicurezza

Dic 8, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – FANO, 08 DIC – “Mi chiedo se veramente è servita a
    qualcosa questa tragedia oppure, come si dice, sono solo parole.
        Io mi auguro davvero che la vita di mia sorella, di queste 6
    persone, perché a loro è costata la vita, a noi famiglie
    continua a costarci carissimo, serva a qualcosa perché
    altrimenti sarebbe inspiegabile tutto questo”. Lo ha detto
    Francesco Vitali, il fratello di Benedetta, una delle sei
    vittime della strage della discoteca Lanterna azzurra di
    Corinaldo, dove nella notte tra il 7 e l’8 dicembre 2018
    morirono 5 adolescenti e una mamma, schiacciati dalla calca.
        Francesco ha preso brevemente la parola sul sagrato della
    cattedrale di Fano, dove sono stati liberati dei palloncini dopo
    una messa in memoria delle vittime. “Io penso al mio futuro – ha
    aggiunto -, in quanto avendo una vita davanti, quando ci saranno
    i miei figli o nipoti, mi piacerebbe essere tranquillo nel
    mandarli in un posto sicuro, anche se so che sarà difficile dopo
    tutto quello che ho passato. Gli imprevisti nella vita ci sono
    sempre, però almeno il divertimento deve essere garantito in
    sicurezza”. Nell’omelia il vescovo di Fano Armando Trasarti
    aveva osservato che “un luogo di divertimento è diventato un
    luogo di morte, la morte di un figlio è contronatura. Chi ha
    perso un figlio è come se lo allattasse per tutta la vita. Non
    diamo le colpe a Dio, sono colpe degli uomini e alla Chiesa non
    spetta il compito di dare giudizi, ma di accompagnare e di
    consolare un dolore che si porterà fino alla tomba”. Mons.
        Trasarti ha elogiato i rappresentanti delle istituzioni (il
    prefetto di Pesaro Urbino, i sindaci di Fano, Senigallia,
    Frontone, le città di origine delle vittime, e di Corinaldo,
    forze dell’ordine) per “questa vostra presenza silente e
    addolorata. Divertirsi fa bene – ha poi concluso – chi dice che
    dovevano rimanere a casa, dice solo stupidità. Ho telefonato
    anche a dei vescovi per questo. Superate queste banalità, era
    una festa di scuola e sono caduti quelli più giovani”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Cade nel cantiere edile, morto operaio 41enne a Torino

    Cade nel cantiere edile, morto operaio 41enne a Torino

    Un operaio di 41 anni, di origini brasiliane, è morto oggi pomeriggio in un cantiere edile di Torino, probabilmente dopo una caduta da un ponteggio. Era stato portato in condizioni gravissime, con un politrauma, all'ospedale Cto, ma è spirato poco dopo l'arrivo....

    Cade nel cantiere edile, morto operaio 41enne a Torino

    Cade nel cantiere edile, morto operaio 41enne a Torino

    Un operaio di 41 anni, di origini brasiliane, è morto oggi pomeriggio in un cantiere edile di Torino, probabilmente dopo una caduta da un ponteggio. Era stato portato in condizioni gravissime, con un politrauma, all'ospedale Cto, ma è spirato poco dopo l'arrivo....