Tax credit per le imprese ricettive, oltre 3500 domande nel 2017 Arlotti: “Estendere il credito di imposta anche alle strutture open air”  

Ago 3, 2017

  • Condividi l'articolo

    “La Legge di Bilancio 2017 ha ampliato il credito di imposta ai periodi 2017 e 2018, aumentandolo dal 30 al 65 per cento, con uno stanziamento di 240 milioni di euro (60 milioni nel 2018, 120 nel 2019 e 60 nel 2020) – ricorda Arlotti -. Nel mio intervento in Commissione, replicando al sottosegretario Dorina Bianchi, ho chiesto che con la prossima manovra il tax credit sia finanziato con maggiori risorse e venga esteso anche alle strutture ricettive open air. Un settore che conta 2700 strutture, 1 milione e 350mila posti letto, fattura 3 miliardi di euro e il 50% delle presenze di stranieri, e a sostegno del quale abbiamo anche incardinato una legge specifica alla Camera”.

    Il tax credit per il periodo 2017-2020 fa seguito a quello già realizzato in attuazione del decreto legge 83/2014 per il triennio 2014-2016. “Un intervento che ha prodotto importanti risultati in termini di riqualificazione del patrimonio edilizio delle imprese alberghiere – evidenzia il deputato -. Per il tax credit riqualificazione 2015 sono pervenute più di 4.700 istanze per oltre 90 milioni di euro; per il tax credit 2016 più di 3.000 per più di 90 milioni e per il tax credit 2017 più di 3.500 istanze per oltre 100 milioni. Il valore complessivo degli interventi oggetto di finanziamento è di oltre 1 miliardo di euro”.

    Il tax credit si applica oggi alle spese sostenute dalle strutture ricettive turistico-alberghiere e dalle strutture agrituristiche, a condizione che gli interventi abbiano anche finalità di ristrutturazione edilizia, di riqualificazione antisismica o energetica e acquisto mobili. Viene riconosciuto a ciascuna impresa alberghiera fino all’importo massimo di duecentomila euro nel triennio di riferimento, e l’ammissione al beneficio avviene secondo l’ordine di presentazione delle relative domande.

  • Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Un giudice canadese ha rilasciato la direttrice finanziaria del colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, Meng Wanzhou, chiudendo il procedimento di estradizione in una breve udienza svolta davanti alla Corte Suprema della British Columbia.   ...

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Alla redazione di Fanpage.it è stata notificata la revoca del decreto di sequestro relativo all'inchiesta giornalistica sui fondi della Lega e sull'ex sottosegretario Claudio Durigon. Lo rende noto la stessa testata: "La Polizia Postale ha inviato alla direzione un...