Zaki:circa 200 persone a Bologna a flash mob in suo sostegno

Set 14, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – BOLOGNA, 14 SET – Circa 200 persone si sono radunate
    sul ‘Crescentone’ in Piazza Maggiore per il presidio organizzato
    da Amnesty International a sostegno di Patrick Zaki, lo studente
    dell’Università di Bologna detenuto in custodia preventiva per
    19 mesi e imputato, in Egitto, con l’accusa di diffusione di
    notizie false dentro e fuori il Paese.
        Nella piazza principale della città emiliana – dove
    sventolano uno striscione giallo con il logo di Amnesty
    International e uno con la scritta ‘Libertà per Patrick Zaki’ –
    hanno preso la parola, tra gli altri, la presidente del
    Consiglio Studentesco dell’Ateneo, Anna Zanoli; la responsabile
    di Amnesty International Emilia-Romagna, Francesca Mazzotti e
    l’artista ,drammaturgo, scrittore, attore di teatro, Alessandro
    Bergonzoni. Presente anche il leader delle ‘Sardine’ e candidato
    nella lista del Pd alle prossime elezioni comunali di Bologna,
    Mattia Santori.
        Unanime la richiesta di liberazione e di intervento da parte
    delle istituzioni per il ricercatore che oggi, nel Tribunale di
    Mansoura ha vissuto la prima udienza del processo aperto a suo
    carico. L’assise – aggiornata al prossimo 28 settembre – è
    durata poco più di cinque minuti: Zaki ha preso la parola,
    lamentando in sostanza di essere stato detenuto oltre il periodo
    legalmente ammesso per i reati minori di cui è accusato adesso. Anche la sua legale, Hoda Nasrallah, ha sostenuto la stessa tesi
    chiedendone il rilascio o almeno l’accesso al dossier che lo
    riguarda.
        Bologna, così era stato annunciato su Facebook il presidio per il giovane egiziano, “si stringe attorno a Patrick come in
    quel lontano 8 febbraio di quasi due anni fa. Ci vediamo in
    Piazza Maggiore per un flash mob che dimostri che Bologna, la
    cittadinanza e la popolazione universitaria sono ora più che mai
    attivi e vicini a Zaki e alla sua famiglia”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Giudice canadese rilascia lady Huawei, è libera

    Un giudice canadese ha rilasciato la direttrice finanziaria del colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, Meng Wanzhou, chiudendo il procedimento di estradizione in una breve udienza svolta davanti alla Corte Suprema della British Columbia.   ...

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Fanpage, la Procura di Roma revoca il sequestro del video su Durigon

    Alla redazione di Fanpage.it è stata notificata la revoca del decreto di sequestro relativo all'inchiesta giornalistica sui fondi della Lega e sull'ex sottosegretario Claudio Durigon. Lo rende noto la stessa testata: "La Polizia Postale ha inviato alla direzione un...